giuria concorso online

"La realtà si impone con una forza che va aldilà del pensiero."
Gianfranco Rosi

MASSIMILIANO DE SERIO
Gemello di Gianluca, lavorano insieme dal 1999. Negli anni hanno prodotto vari film brevi e documentari che hanno partecipato ai più importanti festival di cinema nazionali e internazionali, aggiudicandosi numerosi premi. Hanno esordito nel lungometraggio per il cinema con “Sette opere di misericordia” nel 2011, presentato in anteprima nel concorso internazionale del Festival del Film Locarno. Protagonisti dei lavori dei De Serio sono identità sradicate, alle prese con una continua ridefinizione di sé, o identità collettive, inedite e interstiziali, in un percorso ibrido tra messa in scena, memoria e performance, dove il lavoro filmico diventa luogo di scambio e strumento per emergere dall’invisibilità. Tra i film e i documentari realizzati: “Sette opere di misericordia”, “Bakroman”, “L’Esame di Xhodi”, “Zakaria”, “Mio fratello Yang”, “Maria Jesus”, “Il giorno del santo”. Tra le installazioni: “Looking for Luminita”, “Stanze”, “Bakroman”, “No fire zone”, “Dialoghi del Lys Love”, “Leo”, “Come l’acciaio”, “Sestetto”, “Tanatologia, 14 maggio 1958”, “Shade”, “Gru, variazione per coro di sei gru e altoparlante”, “Neverending Maria Jesus”, “Lezioni di arabo”. “Sette opere di misericordia” è stato nominato per il Nastro d’Argento per miglior film d’esordio, per miglior suono e per il miglior attore protagonista.


CATERINA MAZZUCATO
Caterina Mazzucato nata nel 1980 ha iniziato a lavorare nel cinema in produzione collaborando a realtà indipendenti quali Downtown Pictures, Fabrica Cinema e Associazione Lus. Ha scritto per il cinema e ha lavorato come ghost writer e consulente per diverse case editrici tra cui Rizzoli. Oggi è consulente per le acquisizioni dei film italiani per I Wonder Pictures ed è coordinatrice della sezione italiana di Biografilm Festival.


ILARIA MALAGUTTI
Ilaria Malagutti, dopo diversi anni passati nel campo della produzione cinematografica e televisiva, fonda nel 2005, insieme a Michele Mellara, Alessandro Rossi e Francesco Merini, la propria società di produzione, la Mammut Film. All’interno della Mammut Film si occupa di tutto il processo produttivo, dallo sviluppo alla distribuzione. Con la propria società, Ilaria ha prodotto: “Sponde” (Premio Mymovies all’ultima edizione del Festival dei Popoli di Firenze), “Le vie dei Farmaci” e “God save the Green”. Contemporaneamente, Ilaria collabora con altre società di produzione, tra le quali tempesta di Carlo Cresto-Dina, come consulente nel fund raising e nello sviluppo progetti per documentari, film lungometraggi ed eventi culturali.


VITTORIO IERVESE
(PhD) è membro del Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia dove insegna Sociologia dei Processi Culturali, Teoria e Metodi della Progettazione Culturale e Sociologia Visuale. Ha fondato il Master di Alta Formazione sull’immagine contemporanea dove attualmente è titolare del corso di Cultura Visuale. Oltre ad occuparsi di analisi dei conflitti e delle interazioni, i suoi studi riguardano vari aspetti dell’immagine contemporanea. Collabora con diversi festival cinematografici ed è vice-presidente del Festival dei Popoli – Festival Internazionale di Documentari. Attualmente ha pubblicato: “Form is when the substance rises to the surface”. Practices, Narratives and Autopoiesis of the Festival dei Popoli. (Journal of Cultural Management 1/2016); “Altro che invisibili. Il paradosso delle immagini degli immigrati.” Zapruder, (40) 2016; “Like every Grain of sand: the Cinema of Jos De Putter.” In: 55° Festival dei Popoli, Florence 2014; “Father and son: a journey in the Cinema of Pawel and Marcel Lozinski.” In: 54° Festival dei Popoli, Florence 2013.


STEFANO CATTINI
Stefano Cattini, è documentarista e fondatore della società di produzione Doruntina Film con sede a Parma. Dirige alcuni documentari brevi, tra cui “Ivan e Loriana” e “Amèn”, che girano numerosi festival internazionali. Nel 2010 “L’isola dei Sordobimbi”, è candidato al premio David di Donatello per il miglior film documentario lungometraggio. Il successivo lungometraggio, “L’ora blu” è premiato al 53° Festival dei Popoli e successivamente distribuito nella collana Popoli doc da CG Home Video. “Aishiteru My Love”, finalista al premio Corso Salani, completa, nel 2013, un’ideale trilogia sui sentimenti umani nelle diverse età della vita. Tra i suoi ultimi lavori, “Fastidiosa”, documentario breve prodotto da Jos De Putter per De Correspondent (NL) e “L’albero della piazza”, cortometraggio sostenuto da Emilia Romagna Film Commission. Attualmente è in lavorazione sul documentario “The Children of Pentcho”, co-prodotto da Sonne Film (I) e Mosaic Film (UK) già selezionato nel programma di sviluppo Media.