Giovedì 1

16:00
Apertura del festival

Emilia: cronaca di un terremoto

di Paul Russell e Andrea Vogt (Italia 2012) – 45’
Documentario che racconta le tragiche vicende dell’inattesa ondata sismica che ha colpito il cuore dell’Emilia, attraverso immagini inedite, analisi scientifiche e interviste ai sopravvissuti.
Saranno presenti gli autori
Scarica la scheda in PDF

A seguire

Cosesalve

di Alberta Pellacani (Italia 2012) – 30’
Alberta Pellacani ha dato vita e voce alle persone della provincia modenese colpite dal recente sisma, raccogliendo spontaneamente il cambiamento di valore che hanno assunto le cose (materiali e mentali) che naturalmente si accumulano e sedimentano nel corso della vita, alla luce di una scelta che sembrava poter essere solo una fatalità remota: salvarle o perderle per sempre.
Sarà presente l’autrice
Scarica la scheda in PDF

A seguire presentazione di film selezionati attraverso il bando
Immagini per ricordare, immagini per ripartire

18:00

Come si racconta un terremoto

Incontro con:
Andrea Vogt, Paul Russell e Alberta Pellacani – Registi, i registi dei film selezionati, Roberto Righetti – Presidente Associazione Stampa Modenese, Pierluigi Senatore – Direttore Radio Bruno (invitato), Cristina Bonfatti – Giornalista TRC e – Roberto Franchini, Direttore dell’Agenzia Informazione e Ufficio stampa della Giunta regionale Emilia Romagna.
In collaborazione con le redazioni di: Gazzetta di Modena, Radio Bruno e TRC

20:00

Aperitivo offerto dalla Cantina di Sorbara di Modena

20:30

Anteprima nazionale Modena, ITALIA, near Bologna

di Stefano Cattini (Italia 2012) – 75’
Un viaggio nel passato della provincia modenese mediante l’attraversamento dei luoghi e l’incontro con persone, oggi, depositarie di culture, tradizioni, saperi. Ma anche, all’incontrario, un tentativo di ricostruire e rappresentare la geografia del territorio e degli insediamenti umani della Modena odierna tramite la scoperta della loro genesi e delle loro stratificazioni nel tempo.
Scarica la scheda in PDF
A seguire incontro con l’autore.
Interviene Giuliano Albarani – Presidente Istituto Storico di Modena