Single Blog Title

This is a single blog caption
27
Ott

Modena VEDF 2020, serata di premiazioni online

Il Modena Viaemili@docfest, festival del cinema documentario che era in programma dal 5 all’8 novembre 2020 con un ricco cartellone di film a ingresso gratuito al Cinema Astra, nel centro storico di Modena, è stato momentaneamente sospeso nel rispetto delle norme contro la diffusione del Covid-19 contenute nel Dpcm del 25 ottobre 2020.

IL MODENA VIAEMILI@DOCFEST E’ SOSPESO MA NON SI FERMA!

VENERDI’ 6 NOVEMBRE ORE 21.00
SERATA DI PREMIAZIONE ONLINE
dei concorsi VIAEMILI@DOCFEST e MEGLIO MATTI CHE CORTI

GUARDA IL VIDEO DELLA SERATA

in diretta streaming sui canali fb e YouTube Modena Viaemiliadocfest, Mat Modena, Arci Modena e Ucca

Il festival è nato nel 2010 con l’obiettivo di far conoscere il cinema documentario al più vasto pubblico possibile attraverso il concorso online, il primo in Italia, che quest’anno è confermato e sarà dedicato alle scuole di cinema e che vede la possibilità di visionare i documentari selezionati e votarli, fino al 1 novembre, su questo sito.

IL PROGRAMMA ORIGINALE CHE E’ STATO MOMENTANEAMENTE SOSPESO: In sala, invece, nel rispetto delle normative contro la diffusione del Covid-19, saranno proiettati alcuni dei documentari più interessanti del panorama nazionale, con approfondimenti e interviste. Tra i titoli in programma troviamo “L’ultimo uomo che dipinse il cinema” di Walter Bencini, “Rosa pietra stella” di Marcello Sannino, “Nilde Iotti – il tempo delle donne” di Peter Marcias, “Pino – vita accidentale di un anarchico” di Claudia Cipriani e “Res Creata” di Alessandro Cattaneo, che accompagneranno alcune produzioni italo-europee come “Le strade per le montagne” di Micol Roubini, “One more jump” di Emanuele Gerosa, quest’ultima in collaborazione con il Festival delle Migrazioni. Non mancheranno la presentazione del catalogo de L’Italia che non si vede seguito dalla proiezione de “La Bufera – cronache di ordinaria corruzione” di Marco Ferrari e la presentazione de La Rete degli Spettatori alla quale seguirà “L’acqua, l’insegna, la sete. Storia di classe” di Valerio Jalongo. All’interno del festival, anche quest’anno, trova spazio il concorso “Meglio matti che corti”, che racconta con brevi video il mondo della salute mentale ed è in collaborazione con Màt.

Il cinema documentario si conferma l’occhio con il quale analizzare temi sociali come le migrazioni, la situazione femminile, il disagio giovanile, la politica italiana, gli avvenimenti storici e più in generale la società contemporanea.

Il Modena Viaemili@docfest è promosso da Comune di Modena, Regione Emilia Romagna, Arci Modena, Arci Emilia Romagna, Ucca, Kaleidoscope Factory e ha il contributo della Fondazione di Modena.